Ministero Affari EsteriMIBACRoma CapitaleCamera di Commercio di Roma

MACRO Testaccio

MACRO

Il complesso dell'ex-Mattatoio è una vivace area per manifestazioni culturali ed eventi artistici. Situato non lontano dalla riva del Tevere nel quartiere Testaccio, MACRO Testaccio è il luogo ideale per la sperimentazione culturale.

Costruiti fra 1888 e 1891 da Gioacchino Ersoch, i padiglioni del Mattatoio testimoniano il passaggio dal classicismo alla modernità e costituiscono un importante esempio storico dell'architettura industriale monumentale e razionale della fine del secolo. Per diversi anni, il Mattatoio è stato considerato fra i più importanti edifici industriali per la modernità e la semplicità della sua organizzazione interna e struttura.

Nel 2002, due padiglioni all'interno del complesso del Mattatoio, che consta di una superficie di 105,000 mq (di cui 43,000 coperti), sono stati assegnati al MACRO per lo sviluppo e la diffusione dell'arte contemporanea.

In sintonia con la dinamicità che caratterizza il quartiere e la forte presenza di giovani nelle ore serali, MACRO Testaccio è aperto dalle 16 alla mezzanotte. Le dimensioni e la disposizione dello spazio lo rendono particolarmente adatto per presentare alcune delle più rilevanti espressioni artistiche internazionali e nazionali che oggi riconfigurano i "territori" della cultura visiva e della contaminazione tra linguaggi differenti.

MACRO è in azione e si prepara, nel confronto con un pubblico vasto e differenziato, ad essere il volto di un polo culturale sfaccettato attraverso il quale si affermi il valore dell'espressione artistica contemporanea.

Mostre ospitate
La Grande astrazione celeste
Beyond The East: Oltre l’Oriente
(Un)Forbidden City: la post-rivoluzione della nuova arte cinese
Il suono della luce

MACRO Testaccio e La Pelanda
Piazza Orazio Giustiniani 4 - 00153 Roma

Vai al sito del museo

Orario

Martedì - domenica ore 16.00-24.00
(la biglietteria chiude 30 minuti prima)
Aperto solo in caso di mostre

Giorni chiusura
Lunedì, 1 gennaio, 1 maggio, 24, 25 e 31 dicembre